Navigazione – Piano del sito
Historiographie et identités culturelles

Il Sarcofago degli Sposi : dalla scoperta alla realtà virtuale

Rita Cosentino
p. 27-41

Riassunti

La storia del rinvenimento del Sarcofago degli Sposi è quella comune agli innumerevoli reperti archeologici finiti in Collezioni di Musei stranieri. Il contesto storico è quello di una Italia risorgimentale, dove l’archeologia rappresentava materia d’indagine e studio da parte di poche elites culturali e fonte di guadagno per proprietari terrieri e mercanti d’arte che si servivano di manovalanze, talora tra gli stessi coloni delle grandi famiglie detentrici di latifondi. Proprio nella tenuta della famiglia Ruspoli, l’attuale Necropoli della Banditaccia, i fratelli Boccanera rinvennero nel 1881 il Sarcofago degli Sposi in frammenti, distribuiti tra l’interno e l’esterno della tomba, già fortemente compromessa da scavi precedenti. Il materiale di corredo era costituito da un gruppo di vasi corinzi. I Bullettini, le notizie degli Scavi del 1881 ed i documenti di archivio relativi agli scavi Boccanera, sono piuttosto scarni ma una rilettura comparata di questi documenti consente di azzardare qualche ipotesi. Si deve a Felice Barnabei, nelle sue Memorie di un archeologo, il racconto che portarono all’acquisizione del Sarcofago degli Sposi al Museo Etrusco di Villa Giulia. A metà degli anni cinquanta, poi, dal sodalizio tra Renato Bartoccini e l’ing. Maurilio Lerici si metterà mano, tra i numerosi ed innovativi progetti, al restauro del Sarcofago degli Sposi. Non fu per l’industriale del ferro il cattivo stato di conservazione a spingerlo a finanziare l’iniziativa, quale sponsor ante litteram, ma l’enorme fascino ed il coinvolgimento emotivo alla vista dello straordinario gruppo. Che dire, dopo oltre mezzo secolo, lo stesso «corto circuito emotivo» ha colto anche noi, una squadra multidisciplinare rappresentata dalla Soprintendenza Archeologica del Lazio e dell’Etruria Meridionale, Cineca, dall’Università di Bologna, dal CNR ISTI di Pisa, dal CNR ITBC di Roma, dalla Fondazione Bruno Keller che ha lavorato in stretta collaborazione per poter arrivare alla realizzazione di un prodotto tecnologico dall’alto rigore.Nell’articolo sono trattate tutte le operazioni che hanno portato all’ologramma del Sarcofago oggetto di una mostra decisamente innovativa, ormai conclusa, svoltasi a Palazzo Pepoli, sede del Museo della Città di Bologna. Le operazioni di digitalizzazione hanno consentito a Giorgetto Giugiaro, noto designer di autovetture a livello internazionale, di produrre un clone al vero del Sarcofago degli Sposi, che sarà destinato alla Sala didattica Raniero Mengarelli, posta all’interno della Necropoli della Banditaccia.

Inizio pagina

Questo documento sarà pubblicato online con testo integrale in ottobre 2019.

La storia del rinvenimento del Sarcofago degli Sposi è quella comune ad innumerevoli reperti archeologici finiti in Collezioni di Musei stranieri. Il contesto storico, piacevolmente delineato da Filippo Delpino, è quello di una Italia risorgimentale, dove l’archeologia rappresentava materia d’indagine e studio da parte di poche élites culturali e fonte di guadagno per proprietari terrieri e mercanti d’arte che si servivano di manovalanze, talora tra gli stessi coloni delle grandi famiglie detentrici di latifondi.

Quali sono gli antefatti che portarono alla scoperta del Sarcofago degli Sposi di Villa Giulia da parte dei Boccanera, affittuari del principe Francesco Ruspoli ? Qualche informazione possiamo ricavarla dai documenti di archivio e dalle stringate informazioni dei Bullettini e Notizie degli Scavi.

In una nota datata al 30 dicembre 1880 (prot. nr. 5357) trasmessa alla Direzione degli Scavi di Roma, Domenico Boccanera richiede « di volergli rilasciare, a seconda del disposto, i...

Inizio pagina

Per citare questo articolo

Riferimento cartaceo

Rita Cosentino, « Il Sarcofago degli Sposi : dalla scoperta alla realtà virtuale », Anabases, 24 | 2016, 27-41.

Riferimento elettronico

Rita Cosentino, « Il Sarcofago degli Sposi : dalla scoperta alla realtà virtuale », Anabases [Online], 24 | 2016, Messo online il 01 ottobre 2019, consultato il 27 maggio 2017. URL : http://anabases.revues.org/5822 ; DOI : 10.4000/anabases.5822

Inizio pagina

Autore

Rita Cosentino

Soprintendenza archeologia del Lazio e dell’Etruria meridionale (SAR-LAZ)
rita.cosentino@beniculturali.it

Inizio pagina

Diritti d'autore

© Anabases

Inizio pagina