Navigation – Plan du site
Actualités et débats

L’immagine della Grecia in età fascista

Alessandra Coppola
p. 169-174

Extrait du texte

Ce document sera publié en ligne en texte intégral en juin 2019.

Aperçu du texte

"I nostri obblighi spirituali verso la Grecia debbono essere intesi con discrezione. Quando Orazio, in un accesso di cavalleria, scrisse i famosi versi sulla Graecia capta che aveva a sua volta conquistato Roma non aveva certo l’intenzione di creare un credito perpetuo a favore dei discendenti degli antichi elleni. Senza contare che questi discendenti hanno, in venti secoli, tanto tralignato dai loro progenitori da non conservare nessun carattere dell’antica divina grecità. La degenerazione bizantina e il dominio turco hanno fabbricato un tipo greco perfettamente balcanizzato”.

Questo scriveva nel 1940 sul principale quotidiano italiano lo scrittore Curzio Malaparte, ufficialmente inviato ad Atene all’inizio della guerra dell’Italia contro la Grecia. Malaparte non plasmò da sé queste riflessioni, e non fu neppure l’aperta ostilità fra le due nazioni a suggerire in gran fretta questi motivi antichi di rivalità : il repertorio veniva da lontano, e trovava nel conflitto una perfetta app...

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Alessandra Coppola, « L’immagine della Grecia in età fascista », Anabases, 23 | 2016, 169-174.

Référence électronique

Alessandra Coppola, « L’immagine della Grecia in età fascista », Anabases [En ligne], 23 | 2016, mis en ligne le 02 juin 2019, consulté le 25 juillet 2017. URL : http://anabases.revues.org/5641 ; DOI : 10.4000/anabases.5641

Haut de page

Auteur

Alessandra Coppola

Università degli Studi di Padova
Dipartimento dei Beni culturali
alessandra.coppola@unipd.it

Haut de page

Droits d’auteur

© Anabases

Haut de page