Navigation – Plan du site
Historiographie et identités culturelles

La scultura antica tra Montesquieu e Winckelmann : il De l’usage des statues chez les anciens di Ottaviano Guasco

Stefano Ferrari
p. 11-24

Résumés

Ottaviano Guasco (1712-1781) è un erudito e storico italiano, noto soprattutto per aver pubblicato l’opera, De l’usage des statues chez les anciens, essai historique (Bruxelles 1768), nella quale affronta lo studio della scultura antica da una prospettiva intellettuale del tutto opposta a quella seguita da Winckelmann nella Geschichte der Kunst des Alterthums (Dresda 1764). Anziché sviluppare un approccio che privilegi la dimensione storica, artistica ed estetica, preferisce indagare i significati «  filosofici  » che si celano dietro le statue. Guasco è convinto che una scultura sia prima di tutto l’espressione di un bisogno religioso, morale o politico. Questa concezione della statuaria risente del decisivo incontro che egli ha a partire dal 1738 con Montesquieu e la sua opera più famosa, l’Esprit des lois. L’oblio che cala sull’opera di Guasco, immediatamente dopo la sua uscita, è da imputare soprattutto al ruolo egemonico esercitato dalla storia dell’arte in questi ultimi secoli, la quale, dopo aver fatto propri oggetti nati senza un necessario carattere estetico, li ha sottoposti quasi esclusivamente ad indagini formali e iconologiche, tralasciando di approfondire la loro reale funzione culturale e sociale.

Haut de page

Extrait du texte

Ce document sera publié en ligne en texte intégral en avril 2018.

Aperçu du texte

Nel corso della seconda metà del Settecento, dopo un « silenzio » durato più di centocinquant’anni, la scultura ritorna a far sentire la propria voce in modo fragoroso. Si guadagna un nuovo statuto epistemologico, diventando un’arte autonoma, affrancatasi definitivamente dall’annoso abbraccio soffocante della pittura. Studiosi di varia formazione e di diverso impegno intellettuale si occupano di essa, sottoponendola a differenti spettri teorici : da quello estetico di Frans Hemsterhuis e Johann Gottfried Herder a quello storico-stilistico di Johann Joachim Winckelmann, da quello artistico di Étienne-Maurice Falconet a quello filosofico-morale di Ottaviano Guasco. Si tratta di contributi non alternativi tra loro, ma legati da sottili intrecci metodologici che affondano le loro radici in un’unica grande koinè culturale. Degli autori poc’anzi menzionati Guasco risulta il meno noto a causa della mancanza ancora di una affidabile biografia e di una problematica collocazione storiografica...

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Stefano Ferrari, « La scultura antica tra Montesquieu e Winckelmann : il De l’usage des statues chez les anciens di Ottaviano Guasco », Anabases, 21 | 2015, 11-24.

Référence électronique

Stefano Ferrari, « La scultura antica tra Montesquieu e Winckelmann : il De l’usage des statues chez les anciens di Ottaviano Guasco », Anabases [En ligne], 21 | 2015, mis en ligne le 01 avril 2018, consulté le 23 mars 2017. URL : http://anabases.revues.org/5192 ; DOI : 10.4000/anabases.5192

Haut de page

Auteur

Stefano Ferrari

Accademia Roveretana degli Agiati
atyrfe@tin.it

Haut de page

Droits d’auteur

© Anabases

Haut de page