Navigation – Plan du site
Comptes rendus et notes de lecture

Mario Capasso (éd.), Hermae. Scholars and Scholarship in Papyrology. II

Amedeo Alessandro Raschieri
p. 302-303
Référence(s) :

Mario Capasso (éd.), Hermae. Scholars and Scholarship in Papyrology. II, Pisa-Roma, Fabrizio Serra editore, 2010, 121 p.
120 euros / ISBN 978-88-6227-337-4.

Texte intégral

Ce document sera publié en ligne en texte intégral en octobre 2015.

1Il volume è il secondo di una serie iniziata nel 2007 a cura di Mario Capasso, papirologo dell’Università del Salento e curatore presso l’editore Fabrizio Serra della Biblioteca degli « Studi di egittologia e di papirologia », della relativa rivista e di Scripta. An International Journal of Codicology and Palaeography. In questo caso si raccolgono diciassette profili biografici e scientifici di studiosi (non più viventi) noti a livello internazionale per i loro lavori papirologici ; gli autori sono talvolta filologi o papirologi altrettanto autorevoli, talvolta allievi diretti o colleghi della personalità studiata, con contributi ricchi di ricordi personali, talvolta seri ricercatori che hanno fondato le proprie ricerche su opere a stampa e documenti d’archivio.

2L’arco cronologico analizzato va dall’Ottocento, con Amedeo Peyron (N. Pellé) e Anthony Charles Harris (A. Capone), al periodo tra Ottocento e Novecento, con Domenico Comparetti (G. Indelli), Harold Idris Bell (P. M. Pinto), Edgar Lobel (L. Lehnus), Victor Tcherikover (M. Amit), Goffredo Coppola (V. Maraglino), ma la maggior parte dello spazio è occupato dai profili di papirologi che hanno svolto la loro attività durante il Novecento fino, in alcuni casi, al primo decennio del nuovo millennio : Naphtali Lewis (R.S. Bagnall), Orsolina Montevecchi (C. Balconi), Erich Lüddeckens (A. Jördens), Wolfgang Schmid (G. Leone), Robert Cavenaile (M.-H. Marganne), Reinhold Merkelbach (C.E. Römer), Ioannes Triantaphyllopoulos (B. G. Mandilaras), Georges Nachtergael (A. Martin), Carsten Peter Thiede (A. Jördens) e Dominic Montserrat (D. J. Thompson).

3Sono, inoltre, presenti due appendici, che completano il precedente volume : la prima, a cura di M. Palau-Ribes O’Callaghan, è costituita dalla bibliografia completa del marito, José O’Callaghan, la seconda, a cura di N. Pellé, è un aggiornamento bibliografico ai profili di Ulrich Wilcken, Girolamo Vitelli, Pierre Jouguet, Medea Norsa, Aristide Calderini e Vittorio Bartoletti.

4Il pregio del volume è costituito senz’altro dall’ampio orizzonte cronologico e spaziale nella scelta delle figure studiate, nonché dall’accuratezza e profondità storico-critica della maggior parte delle voci, mentre qualche difficoltà nella lettura deriva dalla mancanza di omogeneità tra i diversi contributi, che sono di ampiezza assai diversa, anche per figure di pari importanza e produzione scientifica, e che non hanno una struttura espositiva confrontabile, ma ciò dipende da una precisa volontà del curatore, che afferma nella prefazione : « I have let the Authors free to choose the structure of their contribution » (p. 9). Sebbene alcune annotazioni parrebbero più consone a elogi funebri o interventi diaristici, mentre costituiscono elementi di disturbo in un’opera di consultazione, paiono comunque raggiunti gli obbiettivi prefissati : « This volume […] aims to contribute to the history of Papyrology and to the question of the nature and the limits of such discipline ; at the same time, it is an homage to all the scholars who […] dedicated their researches to the papyri » (p. 9).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Amedeo Alessandro Raschieri, « Mario Capasso (éd.), Hermae. Scholars and Scholarship in Papyrology. II », Anabases, 16 | 2012, 302-303.

Référence électronique

Amedeo Alessandro Raschieri, « Mario Capasso (éd.), Hermae. Scholars and Scholarship in Papyrology. II », Anabases [En ligne], 16 | 2012, mis en ligne le 01 octobre 2015, consulté le 21 septembre 2014. URL : http://anabases.revues.org/4005

Haut de page

Droits d’auteur

© Anabases

Haut de page